9° Convegno ADI – Eterogeneità nella didattica dell’italiano LS Stoccarda, 23-24 novembre 2018

Il 9° convegno annuale dell’ADI si svolgerà quest’anno a Stoccarda il 23 e 24 novembre. Le giornate di studio e formazione avranno per argomento l’eterogeneità nella didattica dell’italiano LS.

Le plenarie saranno tenute da Cecilia Luise (Università di Udine), che parlerà delle classi ad abilità differenziate e Daniel Reimann (Universität Duisburg-Essen) che affronterà il tema dell’eterogeneità legandolo a quello dell’inclusione, sempre in ottica di insegnamento dell’italiano come lingua straniera.

Programma

Programma di venerdì 23 novembre
  • 13.00 – 14.00 Iscrizioni
  • 14.00 – 14:30 Inizio lavori e saluti
  • 14.30 – 15.30 Cecilia Luise (Università di Udine)
    Le classi ad abilità differenziate: da problema a risorsa. Principi, metodologie, tecniche.
  • 15.30 – 16.00 Pausa caffè
  • 16.00 – 18.00 Workshops
    • Workshop 1: Paola Celentin (Università Ca’ Foscari Venezia)
      Le classi ad abilità differenziate: tecniche didattiche adatte e adattate
    • Workshop 2 Gianluca Pedrotti (Ludwig-Maximilians-Universität München)
      Dal reale al virtuale: L’e-learning come valore aggiunto al corso d’italiano
  • 18.00 – 19:30 Assemblea soci
Programma di sabato 24 novembre
  • 08.30 – 9.00 Iscrizioni
  • 09.00 – 10.00 Daniel Reimann (Universität Duisburg-Essen)
    Eterogeneità ed inclusione nell´insegnamento dell´italiano come lingua straniera
  • 10.00 – 10.30 Pausa caffè
  • 10.30 – 12.30  Workshops 1
    • Workshop 1: Paola Celentin (Università Ca’ Foscari Venezia)
      Le classi ad abilità differenziate: tecniche didattiche adatte e adattate
    • Workshop 3: Isabella Maurer (Markgräfler-Gymnasium Müllheim)
      Esempi di differenziazione didattica nell’insegnamento dell’italiano come LS
  • 12.30 – 13.30 Pausa pranzo
  • 13.30 – 15.00 BarCamp: Incontro/scambio tra colleghi
  • 15.00 – 15.30 Pausa caffè
    15.30 – 17.30  Workshops

    • Workshop 2: Gianluca Pedrotti (Ludwig-Maximilians-Universität München)
      Dal reale al virtuale: L’e-learning come valore aggiunto al corso d’italiano
    • Workshop 3: Isabella Maurer (Markgräfler-Gymnasium Müllheim)
      Esempi di differenziazione didattica nell’insegnamento dell’italiano come LS
  • 17.30 – 18.00 Feedback workshop
  • 18.00 Chiusura lavori

Abstract

Plenarie

Le classi ad abilità differenziate: da problema a risorsa. Principi, metodologie, tecniche. (C. Luise)
L’incontro verterà su quali sono i principi, le metodologie, le tecniche che permettono di gestire gruppi fortemente differenziati soprattutto sul piano linguistico e comunicativo.
Il punto di partenza è la considerazione che ogni classe è in realtà composita, ad “abilità miste”, e che, pur nella sua problematicità, la classe ad abilità fortemente differenziate dev’essere letta come una sfida, come un’occasione per un rinnovamento metodologico-didattico.
Le trasmissioni standardizzate e normative delle conoscenze, che comunicano contenuti invariati pensati per individui medi, non sono più adeguate: l’insegnamento, dunque, va riorganizzato con una logica aperta e flessibile, adattato alla situazione e alle caratteristiche della classe.
Di conseguenza, si prenderanno in considerazione diversi aspetti della didattica adatta a classi ad abilità differenziate, tra i quali un’organizzazione interdisciplinare dello studio che permetta di sviluppare negli studenti abilità strategiche e trasversali; una didattica integrata, attiva, laboratoriale, esperienziale; tecniche e percorsi che favoriscano la riflessione degli studenti sul loro modo di agire e di apprendere attraverso attività metacognitive; degli approcci metodologici che favoriscano le interazioni tra i pari e un clima di lavoro sereno, partecipato e poco ansiogeno.
Eterogeneità ed inclusione nell'insegnamento dell'italiano come lingua straniera (D. Reimann)
“Eterogeneità” è uno dei grandi temi della didattica e dell’insegnamento non solo, ma anche, delle lingue straniere e dunque dell’italiano in questi anni. Dalla “eterogeneità” si deduce il bisogno di “differenziazione” a livello dell’organizzazione della classe (d’italiano). Il caso “estremo” di eterogeneità e di differenziazione sarebbe l’“inclusione”.
L’intervento che qui verrà presentato si concentrerà su alcuni aspetti del discorso attorno ad eterogeneità ed inclusione, e cioè presenterà alcuni risultati empirici sulla inclusione nell’insegnamento delle lingue romanze nonché sull’integrazione di alunni di origine italiana nell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera in Germania.

Workshop

Le classi ad abilità differenziate: tecniche didattiche adatte e adattate (P. Celentin)
A partire dalle considerazioni svolte dalla prof.ssa Maria Cecilia Luise durante la plenaria, il workshop porrà in pratica attraverso applicazioni concrete i principi metodologici esposti.
Nello specifico si vedranno vantaggi e limiti delle tecniche glottodidattiche tradizionali, pensate per gruppi classe omogenei e si proporranno degli adattamenti che le rendano adeguate ad una classe eterogenea.
Si passeranno in rassegna le abilità linguistiche primarie, individuando per ciascuna delle tecniche che permettano a ciascun allievo di dare in base alle proprie capacità, uscendo dai vincoli imposti dalle risposte chiuse e definite a priori.
Trasversalmente, durante il workshop, si accennerà alla questione della valutazione: le tecniche aperte pongono l’insegnante di esprimere una valutazione basata su criteri meno oggettivi rispetto alle tecniche chiuse, ma che possono tener conto del processo risolutivo svolto dall’allievo, valorizzandone così lo sviluppo metacognitivo.
Dal reale al virtuale: L’e-learning come valore aggiunto al corso d’italiano (G. Pedrotti)
L’e-learning può rappresentare il prolungamento o un arricchimento dell’esperienza fatta in classe, favorendo l’esposizione alla lingua italiana in un contesto in cui il discente sceglie autonomamente contenuti, materiali e attività di rinforzo o approfondimento. Ma come strutturare un percorso formativo a misura d’utente?

Partendo da alcuni esempi, si prenderanno in considerazione applicazioni, piattaforme e siti fornendo indicazioni pratiche per il loro sfruttamento didattico in classe e a casa. Rifletteremo insieme su quali strumenti interattivi utilizzare per lo sviluppo delle diverse abilità e cercheremo di individuare i criteri e le modalità di creazione di un contesto “su misura” in base ai bisogni e agli stili di apprendimento di ciascun discente.

Esempi di differenziazione didattica nell'insegnamento dell'italiano come LS (I. Maurer)
Dopo una breve introduzione teorica (in lingua tedesca) diamo un’occhiata alle diverse possibilità di differenziazione didattica nella lezione d’italiano come lingua straniera. L’approccio pratico (in lingua italiana) sarà al centro del workshop e lavoreremo con i più vari materiali. I materiali, proposti dalla docente, si concentrano sulle singole competenze (lettura, ascolto, scrittura, comunicazione, mediazione ecc.). Ci sarà anche spazio per provare alcuni metodi (come per esempio „Lernzirkel“) e conoscere alcune idee su come introdurre materiali plurilinguistici.

Costi

Come negli anni scorsi, la partecipazione al convegno è gratuita per i soci ADI. Chi volesse diventare socio prima di iscriversi al convegno può farlo utilizzando l’apposito modulo.

Queste sono le quote di iscrizione per la partecipazione al convegno:

  • socio adi: partecipazione gratuita (è comunque necessaria l’iscrizione al convegno)
  • non socio: 70,- €
  • Studenti & Referendare: 25,- € (la certificazione corrispondente deve essere mostrata all’arrivo al convegno).

Venerdì 23 novembre si terrà la cena del convegno. Chi desidera partecipare è pregato di comunicarlo al momento dell’iscrizione. La quota per la cena è a parte (18,- € per menù vegetariano e 20,- € per menù di carne). Tutte le informazioni sono alla pagina dell’iscrizione.

Sede del convegno

Il convegno si terrà presso l’Institut für Literaturwissenschaft – Romanische Literaturen II dell’università di Stoccarda:

Keplerstraße 17
70174 Stuttgart

 

Maggiori informazioni saranno pubblicate nei prossimi giorni.

Codici QR

Qui di seguito trovate il codice QR per salvare sul vostro smartphone la data del convegno ADI direttamente sul calendario e il codice per aprire la posizione del convegno nella app di navigazione.

QR evento (iCal)
File .ics del convegno ADI 2018
QR Luogo del convegno
Sede del convegno ADI 2018

Volantino

Il volantino del convegno è scaricabile da questo link.


Navigazione interna del gruppo di pagine
Iscrizioni al convegno ADI 2018 >>

Bild/Foto:

  • Stuttgart: Pixabay | CC0 (via Pixabay)

Admin

a cura della redazione